Whistleblowing

Confesercenti ha la soluzione per te

WHISTLEBLOWING: FACCIAMO IL PUNTO

GLI OBBLIGHI DI LEGGE, L’EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA, GLI OBBLIGHI ATTUALI

Con il termine whistleblowing, si intende nel linguaggio giuridico quel complesso di norme che sono volte a proteggere in ambito lavorativo chi abbia denunciato reati, violazioni di disposizioni di legge o, con accezione più ampia, condotte irregolari da possibili, quanto probabili, ritorsioni.

Il 15 marzo 2023, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Lgs. n.24/2023, relativa alla protezione delle persone che segnalano violazioni del diritto dell’Unione e delle leggi nazionali, comunemente noto appunto come “Whistleblowing” (un neologismo che in lingua inglese indica la denuncia di attività illecite o fraudolente ndr.).

A partire dal 17 dicembre 2023 le nuove disposizioni in materia di whistleblowing sono entrate in vigore per le aziende del settore privato che impiegano una media di più di 49 lavoratori subordinati con contratti a tempo indeterminato o determinato nell’ultimo anno.

    CHI SONO I WHISTLEBLOWER E CHI È PROTETTO

    I soggetti tutelati da questa legge non sono solo i lavoratori subordinati, ma anche lavoratori autonomi, liberi professionisti, volontari, tirocinanti, azionisti, candidati, ex dipendenti e coloro che ricoprono ruoli di amministrazione, direzione, controllo o vigilanza. Inoltre, la normativa si estende anche ai “facilitatori”, che possono essere colleghi, parenti o affetti stabili nell’ambito del medesimo ambito lavorativo, di chi effettua la segnalazione. Questa ampia definizione assicura che una vasta gamma di individui possa segnalare violazioni in modo sicuro.

    GLI ENTI TENUTI A RISPETTARE LA DISCIPLINA

    La protezione dei segnalanti operanti nel settore privato, impone l’obbligo di predisporre canali di segnalazione a carico di quei soggetti del medesimo settore che soddisfano almeno una delle seguenti condizioni:

    • hanno impiegato, nell’ultimo anno, la media di almeno cinquanta lavoratori subordinati, con contratti di lavoro a tempo indeterminato o determinato;
    • si occupano di alcuni specifici settori (servizi, prodotti e mercati finanziari e prevenzione del riciclaggio o del finanziamento del terrorismo, sicurezza dei trasporti e tutela dell’ambiente), anche se nell’ultimo anno non hanno raggiunto la media di almeno cinquanta lavoratori subordinati con contratti di lavoro a tempo indeterminato o determinato;
    • adottano i modelli di organizzazione e gestione di cui al decreto legislativo 231/2001, anche se nell’ultimo anno non hanno raggiunto la media di almeno cinquanta lavoratori subordinati con contratti di lavoro a tempo indeterminato o determinato.

    COSA SI PUÒ SEGNALARE

    Comportamenti, atti od omissioni che ledono l’interesse pubblico o l’integrità dell’amministrazione pubblica o dell’ente privato e che consistono in:

    • illeciti amministrativi, contabili, civili o penali;
    • condotte illecite rilevanti ai sensi del decreto legislativo 231/2001, o violazioni dei modelli di organizzazione e gestione ivi previsti;
    • illeciti che rientrano nell’ambito di applicazione degli atti dell’Unione europea o nazionali relativi ai seguenti settori: appalti pubblici; servizi, prodotti e mercati finanziari e prevenzione del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo; sicurezza e conformità dei prodotti; sicurezza dei trasporti; tutela dell’ambiente; radioprotezione e sicurezza nucleare; sicurezza degli alimenti e dei mangimi e salute e benessere degli animali; salute pubblica; protezione dei consumatori; tutela della vita privata e protezione dei dati personali e sicurezza delle reti e dei sistemi informativi;
    • atti od omissioni che ledono gli interessi finanziari dell’Unione;
    • atti od omissioni riguardanti il mercato interno;
    • atti o comportamenti che vanificano l’oggetto o la finalità delle disposizioni di cui agli atti dell’Unione.

    MODALITÀ DI GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI

    Il soggetto preposto a ricevere le segnalazioni deve:

    • dare avviso alla persona segnalante del ricevimento della segnalazione entro 7 giorni dalla data del suo ricevimento, salvo esplicita richiesta contraria della persona segnalante ovvero salvo il caso in cui l’ANAC ritenga che l’avviso pregiudicherebbe la protezione della riservatezza dell’identità della persona segnalante;
    • mantenere le interlocuzioni con la persona segnalante e richiedere a quest’ultima, se necessario, integrazioni;
    • dare diligente seguito alle segnalazioni ricevute;
    • svolgere l’istruttoria necessaria a dare seguito alla segnalazione, anche mediante audizioni e acquisizione di documenti;
    • dare riscontro alla persona segnalante entro 3 mesi o, se ricorrono giustificate e motivate ragioni, 6 mesi dalla data di avviso di ricevimento della segnalazione esterna o, in mancanza di detto avviso, dalla scadenza dei 7 giorni dal ricevimento;
    • comunicare alla persona segnalante l’esito finale della segnalazione

    PROTEZIONE DELLA RISERVATEZZA DEI SEGNALANTI

    L’identità del segnalante non può essere rivelata a persone diverse da quelle competenti a ricevere o a dare seguito alle segnalazioni.

    La protezione riguarda non solo il nominativo del segnalante ma anche tutti gli elementi della segnalazione dai quali si possa ricavare, anche indirettamente, l’identificazione del segnalante.

    La segnalazione è sottratta all’accesso agli atti amministrativi e al diritto di accesso civico generalizzato.

    La protezione della riservatezza è estesa all’identità delle persone coinvolte e delle persone menzionate nella segnalazione fino alla conclusione dei procedimenti avviati in ragione della segnalazione, nel rispetto delle medesime garanzie previste in favore della persona segnalante.

    Devi dotarti di un sistema che ti consenta di adeguarti agli obblighi di legge?

    Confesercenti Reggio Emilia ha la soluzione per te.

    La nostra associazione è in grando di accompagnarti sia nella consulenza che nelle applicazioni che ti occorrono per essere conforme alle disposizioni in materia di whistleblowing… contattaci